Il corpo non è il riflesso di qualcosa e non parla per simbolismi: il corpo sei tu.
Ogni processo fisiologico messo in atto dal corpo è automatico e sensato, ogni organo reagisce in base alla sua funzione nel tentativo di adattarsi all’ambiente e alle situazioni della vita. Niente di più.
Le emozioni (amore, senso di colpa, vergogna…) e i pensieri non sono la causa di questa reazione di adattamento biologico, piuttosto ne sono una conseguenza.

Se un dolore appare una volta, puoi verificare che hai risolto una situazione per la quale eri teso. Il corpo sta riparando i tessuti in seguito allo sforzo, quindi per qualche giorno sentirai dolore.

Non è un’atmosfera generica o un pensiero a risolvere, ma un fatto concreto che ti ha rilassato, come uno di quelli raffigurati a lato, che è avvenuto poche mezzore prima della comparsa del dolore (e non giorni o settimane!)

Se un dolore è invece cronico, stai entrando e uscendo da questo processo, ripetendolo di continuo.
Questo è il caso in cui può valere la pena fare qualcosa di diverso nella tua vita.

Ogni tessuto cellulare e ogni organo hanno la propria funzione. Ogni processo che si attiva nell’organismo ha il suo senso biologico.
Per questo motivo le 5 Leggi Biologiche descrivono un’eziologia precisa con condizioni determinate e non ipotetica in situazioni generiche.
Approfondire l’argomento ti consentirà di indagare la funzione e scoprire il comportamento di ogni tessuto corporeo. Non si tratta di un’indagine emotiva o psicologica, ma biologica.

Tratto da un articolo di 5LB Magazine.
Ascolta le conferenze gratuite per comprendere le basi di questo modello psicosomatico.
Se hai studiato un po’ le 5 Leggi Biologiche, comincia subito ad applicarle con i sintomi dell’apparato muscolo scheletrico e con i dolori.